Semplificazione

Semplificare per crescere e liberare risorse per lo sviluppo del paese.
Semplificare per dare certezza ai diritti dei cittadini.
Semplificare per un’amministrazione che funzioni meglio e costi meno.

La semplificazione si realizza attraverso interventi normativi, amministrativi, organizzativi e tecnologici finalizzati a ridurre il peso della burocrazia su cittadini e imprese.

La semplificazione oggi si fonda su una logica di risultato. Quello che conta non sono solo le norme introdotte o eliminate, ma l’effettiva riduzione dei tempi e dei costi. Le leggi da sole non bastano, se non cambiano la vita dei cittadini.

L’Agenda per la semplificazione per la ripresa, approvata nel 2020, si è focalizzata sull’emergenza e sui programmi di rilancio dell’economia e dell’occupazione, prevedendo interventi mirati a far ripartire il Paese, grazie a su una pubblica amministrazione più semplice, veloce e vicina ai cittadini. Ha individuato una serie di interventi prioritari, condivisi tra Governo, Regioni ed Enti Locali, definendo obiettivi, risultati attesi, responsabilità e tempi di realizzazione, anche con il coinvolgimento dei cittadini, delle imprese e delle loro associazioni.  

Nel corso del 2021, all’avvio dell’attuazione delle prime azioni previste dall'Agenda, è stato adottato il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) che, tra l’altro, prevede importanti interventi in materia di semplificazione e digitalizzazione che riprendono ed ampliano quelli già contemplati dall’Agenda. In questo contesto il ruolo dell’Agenda diviene strategico, costituendo un indispensabile strumento di coordinamento e attuazione degli interventi del PNRR in materia di semplificazione amministrativa, nonché per il rilancio del tessuto economico del Paese, attraverso il superamento dei c.d. "colli di bottiglia" e il progressivo azzeramento delle complicazioni burocratiche.

Per massimizzare l’efficacia degli interventi ed evitare duplicazioni e disallineamenti tra le azioni dell'Agenda per la semplificazione e quelle previste dal PNRR, il testo dell’Agenda è stato aggiornato al nuovo contesto. L’obiettivo è fare in modo che l’Agenda continui a essere lo strumento prioritario attraverso il quale siano “messe a terra” le linee di attività individuate nell’ambito del PNRR. Nello stesso tempo si è deciso di estendere anche la durata dell’Agenda in modo da renderla coerente, anche da questo punto di vista, con l’orizzonte temporale del PNRR.

L’Agenda per la semplificazione 2020-2026, approvata in Conferenza Unificata l’11 maggio 2022, prevede una serie di azioni di semplificazione condivise tra Governo, Regioni ed Enti locali: per ciascuna di esse individua in modo puntuale obiettivi, scadenze e risultati attesi. Per consentire la verifica in tempo reale dello stato di avanzamento delle iniziative e del grado di raggiungimento degli obiettivi di ciascuna azione definisce, inoltre, il cronoprogramma delle attività. Attraverso di essa si perseguono:

  • l’eliminazione sistematica dei vincoli burocratici alla ripresa;
  • la riduzione dei tempi e dei costi delle procedure per le attività di impresa e per i cittadini.

Dal punto di vista del metodo e dei contenuti, il tratto distintivo delle attività attuative dell’Agenda è la massima valorizzazione del lavoro, essenziale, di concertazione e coordinamento tra i diversi livelli istituzionali.

Semplificare ascoltando. La consultazione dei cittadini, delle imprese e delle loro associazioni, in tutte le fasi della politica di semplificazione è essenziale per raccogliere nuove proposte, per migliorare le attività in corso e per monitorare i risultati raggiunti.

Queste pagine web sono uno strumento a disposizione di coloro che vogliono conoscere la semplificazione e le attività in corso.

 


Consulta il Glossario del Dipartimento


Ufficio competente: Ufficio per la semplificazione e la sburocratizzazione