Brunetta: “Mantenuti gli impegni con gli enti locali: la sfida del Pnrr si vince insieme”

16 dicembre 2021

“Oggi è un bel giorno per le istituzioni democratiche. Il Governo ha mantenuto gli impegni con gli enti locali e il Parlamento ha saputo raccogliere con altrettanta responsabilità il grido di dolore dei sindaci, approvando in commissione Bilancio alla Camera gli emendamenti al decreto Pnrr che consentono, in deroga agli attuali limiti finanziari, di realizzare assunzioni a tempo determinato nelle amministrazioni territoriali per circa 15.000 posti l’anno. Un intervento che non esclude gli enti in dissesto e predissesto. Per i Comuni con meno di 5.000 abitanti è istituito un fondo di 30 milioni di euro annui dal 2022 al 2026. È, inoltre, autorizzato l’utilizzo di 67 milioni di euro destinati ai Comuni del Mezzogiorno per le assunzioni a tempo determinato per il Pnrr”. Lo ha sottolineato il ministro per la Pubblica amministrazione, Renato Brunetta.

“Le misure a favore di Comuni, Città metropolitane e Province non finiscono qui, ma continueranno sia nella legge di bilancio, sia per via amministrativa, come concordato nel vertice del 3 dicembre”, ha continuato il ministro. “Oggi in Conferenza Stato-Città è stata anche acquisita l’intesa sullo schema di decreto attuativo per le assunzioni di personale da parte delle Province e delle Città metropolitane, che ho già firmato e inviato ai ministri dell’Economia e dell’Interno per la sottoscrizione. Un provvedimento atteso dal 2019, che finalmente si sblocca”.

“Nei prossimi cinque anni – ha concluso - gli enti locali saranno in grado di recuperare i 70.000 posti di lavoro persi nell’ultimo decennio. Il rafforzamento della capacità amministrativa e progettuale è cruciale per affrontare la sfida del Piano nazionale di ripresa e resilienza. Una sfida che si vince solo insieme”.

  • Conferenza Stato-Città. Raggiunta l'intesa sul DM assunzioni Province e Città Metropolitane