Nel 2021 registrati 11.203 procedimenti disciplinari nella Pa, tra cui 335 licenziamenti e 1.620 sospensioni

9 marzo 2022

Nel 2021 sono stati in totale 11.203 i provvedimenti disciplinari a carico dei dipendenti pubblici, di cui 7.604 si sono conclusi, 2.536 sono ancora in corso e 863 risultano sospesi per procedimento giudiziario. Tra le sanzioni gravi 335 licenziamenti motivati per lo più per reati e assenze ingiustificate e 1.620 sospensioni brevi o lunghe dal servizio. 
 
È quanto si legge nel report annuale, che raccoglie tutti i procedimenti disciplinari nelle amministrazioni pubbliche, aggiornati al 31 gennaio 2022, pubblicato sul sito istituzionale del Dipartimento della Funzione pubblica. 
 
Il numero più alto di provvedimenti è stato registrato nelle aziende sanitarie e ospedaliere con 2.956 casi, seguito poi dai Comuni con 2.501 procedimenti; dalle scuole con 2.266 casi; dai ministeri e agenzie con 2.093 e a seguire tutti gli altri gruppi di amministrazioni.
 
Nel dettaglio, i licenziamenti sono stati 335 in totale, di cui 141 connessi a reati e 139 causati da assenze dal servizio ingiustificate, non comunicate nei termini, ma anche per falsa certificazione. Riguardo ai provvedimenti di sospensione dal servizio, 1.171 dei 1.620, pari al 71%, sono stati causati dall’inosservanza delle disposizioni di servizio, da negligenza, da comportamento non corretto verso superiori, colleghi e utenti, da dichiarazioni non veritiere. Al secondo posto con 191 casi, le sospensioni derivate da assenze dal servizio ingiustificate, non comunicate nei termini e per falsa certificazione.
 
L’aggiornamento definitivo 2020
 
Quest’anno all’ultimo rapporto sul 2021 si aggiunge anche un secondo report con il quadro definitivo dei procedimenti avviati e conclusi nel 2020, aggiornato al 31 gennaio 2022. L’aggiornamento si è reso necessario in ragione dei ritardi registrati nel 2020, durante la fase più critica dell’emergenza pandemica, che ha provocato un allungamento dei tempi sia per la conclusione dei procedimenti disciplinari (anche per effetto delle sospensioni penali), sia per le comunicazioni da parte delle amministrazioni. 
 
Nel 2020 i procedimenti disciplinari sono stati in totale 9.292, di cui 7.828 conclusi, che hanno portato 1.790 sospensioni e 426 licenziamenti.