Progetti

Il Dipartimento della funzione pubblica, in qualità di Organismo intermedio del Pon Governance e Capacità Istituzionale  2014-2020, ha ammesso a finanziamento i seguenti interventi destinati a sostenere i processi di modernizzazione e di riforma della Pubblica Amministrazione e l’attuazione della  Strategia per la  crescita digitale.

I progetti:

__________________________________________________________
logo associazione nazionale popolazione residente

ANPR - Supporto ai Comuni per il subentro all’Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente
Beneficiari: Amministrazioni locali

Il progetto, promosso dal Dipartimento della Funzione Pubblica, intende incentivare il subentro dei comuni in ANPR- la piattaforma nazionale “Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente” prevista dal Piano Triennale per l'Informatica nella Pubblica amministrazione 2017- 2019-  attraverso interventi volti a supportare lo sviluppo di competenze e il rafforzamento della capacità amministrativa degli operatori preposti alla gestione ed erogazione dei servizi anagrafici all’interno dei Comuni.

A tal fine, sono previste azioni di accompagnamento e supporto specialistico quali:

  • apprendimento delle nuove modalità operative messe a disposizione dall’ANPR ;
  • estrazione, analisi e bonifica dati;
  • adeguamento degli strumenti operativi in uso dal Comune (configurazione per l’accesso agli ambienti di test e di esercizio attraverso la mappatura e il censimento di postazioni/utenti, aggiornamento/acquisto e manutenzione software, etc.);
  • ridefinizione dei processi organizzativi e delle procedure operative.

E' previsto un contributo a forfait (Reg. UE n. 1303/2013), a titolo di parziale rimborso delle spese sostenute, che i Comuni possono  richiedere al Dipartimento della Funzione Pubblica a seguito dell’avvenuta migrazione dei dati del Comune ad ANPR e della verifica della sua effettiva operatività.

Il 5 dicembre scorso è stato pubblicato l’Avviso per l’erogazione dei contributi.

Durata: 13 mesi
Risorse: 14.415.000,00 euro

Scarica in PDF

 Torna su

_________________________________________________
logo ministero della salute

Analisi dei fattori di produzione per resilienza e sviluppo del SSN 
Beneficiario: Ministero della Salute

Il progetto nasce dalla necessità di potenziare e consolidare la modernizzazione del Servizio Sanitario Nazionale (SSN), prevista dal  Patto per la Salute, attraverso strumenti di monitoraggio e verifica relativi all’ adeguatezza dell’ offerta  dei fattori produttivi (personale, beni e servizi), che assicuri l'equità  del sistema e i Livelli essenziali di assistenza (LEA).

La finalità  dell’intervento, realizzato dal Ministero della Salute,  è di utilizzare  metodologie che consentano l'analisi dei livelli di efficacia e di efficienza operativa delle aziende sanitarie, supportandole nell’individuazione delle criticità,  nell'erogazione dell'assistenza, anche attraverso il benchmark con le altre aziende sanitarie operanti sul territorio regionale e nazionale.

Le metodologie saranno sviluppate a livello centrale e condivise con le Regioni per favorire, attraverso una governance congiunta, l’attività sistematica di programmazione e di gestione della spesa sanitaria.

In tal senso il progetto consentirà, da un lato, di aumentare il numero di amministrazioni pubbliche che attiveranno tali percorsi di sviluppo e, dall’altro, di pervenire a migliori performance in termini di efficienza grazie all’ottimizzazione dei costi.

Durata 13 mesi
Risorse 4.967.441,00 euro
Per informazioni: pongovsalute@sanita.it

scarica in PDF

 Torna su

_____________________________________________________
logo foia

Centro di Competenza FOIA
Beneficiario: Dipartimento della funzione pubblica

Il progetto prevede la  creazione del “Centro di Competenza FOIA”  per  rafforzare la capacità amministrativa delle Amministrazioni impegnate nell’attuazione della  nuova forma di accesso civico ai dati e documenti pubblici -introdotta  dal d. lgs. 97/2016 -  sul modello del  sistema anglosassone definito  Freedom of Information Act (FOIA) e la realizzazione della piattaforma web “foia.gov.it” per  promuovere tra i cittadini la cultura del diritto di informazione.

Il Centro di Competenza FOIA fornirà indirizzi strategici, metodologie e strumenti tecnologici per:

  • diffondere la consapevolezza tra le Amministrazioni  di dover rispondere agli obblighi di disclosure derivanti dall’accesso generalizzato;
  • rafforzare le competenze necessarie ad assicurare, in modo efficace ed efficiente nel rispetto dei limiti normativi, l’accesso agevole e tempestivo a dati integri, aggiornati, completi comprensibili e conformi ai documenti originali;
  • promuovere presso le pubbliche amministrazioni l’affermazione di una cultura orientata al “disclosure” proattivo e al continuo rafforzamento della capacità di trasparenza e accountability.

Nello specifico  saranno definiti  strumenti e metodi per orientare le pubbliche amministrazioni nelle scelte procedurali, organizzative e tecnologiche legate  all’attuazione del FOIA (linee guida operative, documenti di metodo e contenuto ed un toolkit a supporto dell’attività di self-assessment) e sarà promosso il trasferimento della Base di Conoscenze FOIA (normativa, buone pratiche, metodi e strumenti) presso le  Amministrazioni,  attraverso lo studio di  soluzioni in grado di rispondere in modo adeguato ed efficiente a tutte le richieste di supporto (informative, webinar, percorsi formativi, help desk FOIA).

Infine, la piattaforma (www.foia.gov.it) e l’attivazione di  una serie di servizi web atti consentiranno  a tutte le pubbliche amministrazioni, anche con un basso livello di maturità tecnologica, di raggiungere sin da subito sufficienti livelli di disclosure.

Durata 42 mesi
Risorse 4.359.500,00 euro
Per informazioni: segreteria.uid@governo.it

scarica in PDF

 Torna su

_____________________________________________________
logo competenze digitali

Competenze digitali per la PA
Beneficiario: Dipartimento della funzione pubblica

Il progetto, al fine di accrescere la propensione complessiva al cambiamento all’innovazione nella pubblica amministrazione, intende rafforzare le competenze digitali di base dei dipendenti pubblici e  diffondere una visione comune sui temi della cittadinanza digitale, dell’eGovernment e dell’Open Government.

In particolare  saranno definiti alcuni interventi coerenti con le Linee/Indicazioni Strategiche e Operative 2014 del Programma nazionale per la cultura, la formazione e le competenze digitali,  promosse da AGiD quali:

  • un modello di riferimento contenente un  set minimo di competenze digitali trasversali richieste ad un dipendente pubblico;
  • una piattaforma applicativa per l’erogazione di test di autovalutazione e di verifica a seguito di interventi formativi per i dipendenti delle PA destinatarie dell’intervento. L’infrastruttura sarà predisposta in modo da assicurarne il riuso per ulteriori attività di verifica delle competenze possedute dai dipendenti della PA in relazione a specifici settori e/o ambiti tematici. Per assicurare  l’utilizzo agevole della piattaforma sarà allestito un servizio di help desk dedicato
  • interventi formativi, messi a disposizione da parte del DFP, in modalità e-learning destinati al personale  della PA sulla base di una rilevazione strutturata ed omogenea dei gap formativi in ambito digitale. Le amministrazioni potranno ricorrere a specifici interventi formativi sulla base dei fabbisogni formativi elaborati attraverso l’acquisizione dei risultati dei test di autovalutazione cui si sono sottoposti i dipendenti selezionati.

Per informazioni: segreteria.uid@governo.it

scarica in PDF

 Torna su

_____________________________________________________
logo creiamo_pa

CReIAMO PA - Competenze e Reti per l’Integrazione Ambientale e per il Miglioramento delle Organizzazioni della PA
Beneficiario: Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare

Il progetto, realizzato dal Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare, vuole risolvere le criticità riscontrate nella gestione delle politiche ambientali e accompagnare i soggetti competenti nell’affrontare i cambiamenti prodotti dalle Riforme in atto attraverso una maggiore diffusione di una cultura amministrativa che coniughi i principi di tutela e salvaguardia dell’ambiente con quelli di sviluppo e competitività. In tal senso,  l’iniziativa  intende creare un’efficace integrazione della dimensione ambientale nelle politiche pubbliche agendo sulla qualità delle risorse umane e sulla gestione delle relazioni interistituzionali e di quelle con gli stakeholder coinvolti.

In particolare, si prevedono azioni di formazione e affiancamento on the job che incidano sull’attuazione e la gestione delle politiche pubbliche toccando tutti gli aspetti dello sviluppo sostenibile e di rafforzamento della capacità amministrativa riferita a temi che contribuiscono a diffondere un modello di crescita improntato sul benessere  umano riducendo i rischi ambientali legati allo sfruttamento delle risorse (green e blu economy) .

Il progetto prevede, quindi, iniziative strategiche nazionali che producano un’efficacia diffusa e una ricaduta sull’intero sistema nazionale - come la costituzione di nuovi network o il potenziamento di reti già esistenti - attraverso attività di coordinamento e rafforzamento tra i soggetti coinvolti nell’implementazione delle politiche ambientali. Inoltre tale approccio sarà opportunamente modulato e rafforzato, grazie alla condivisione di pratiche/esperienze/informazioni, per far fronte alla necessità di superare criticità presenti in alcuni territori (es. rifiuti).

Durata 60 mesi
Risorse 40.499.940,00 euro
Per informazioni: dgsvi@pec.minambiente.it

scarica in PDF

Torna su

_____________________________________________________
logo delivery

“Delivery Unit Nazionale”  e “Supporto all’operatività della riforma in materia di semplificazione”
Beneficiario: Dipartimento della funzione pubblica

“Delivery Unit Nazionale” e “Supporto all’operatività della riforma in materia di semplificazione” sono due progetti, realizzati dal Dipartimento della Funzione Pubblica, a sostegno dell’attuazione dell’obiettivo “Riduzione degli oneri regolatori” del Pon Governace e Capacità Istituzionale. Gli interventi  sono finalizzati a promuovere e sostenere l’attuazione delle iniziative  di semplificazione previste dalla l. n. 124/2015 (c.d. “Riforma Madia”) - conferenza di servizi, SCIA, operatività degli sportelli SUAP e SUE, modulistica - e dall’Agenda per la semplificazione.

Si tratta di interventi integrati che mirano a tradurre gli obiettivi strategici della Riforma Madia  in azioni di rafforzamento della capacità amministrativa (a livello centrale, regionale e locale) per rendere operativi gli interventi di semplificazione (riduzione dei tempi e dei costi delle procedure relative all’attività d’impresa, standardizzazione e semplificazione di procedure e modulistica), misurandone i risultati e monitorandone gli effetti.

La realizzazione delle attività per il  conseguimento degli obiettivi dei due interventi è coordinata dall’Ufficio per la semplificazione e la sburocratizzazione del Dipartimento della Funzione Pubblica che assicurerà la direzione complessiva degli interventi di supporto all’operatività della riforma in materia di semplificazione e la verifica dello stato di attuazione in funzione dei risultati attesi.

Delivery Unit Nazionale
Durata 2016-2023
Risorse 7.000.000,00 euro
Per informazioni: deliveryunit@governo.it

Supporto all’operatività della riforma in materia di semplificazione
Durata 2016-2019
Risorse 3.400.000,00 euro
Per informazioni: ponsemplificazione@formez.it

scarica in PDF

  Torna su

_____________________________________________________
logo italiAE

ItaliAE
Beneficiario: Dipartimento per gli Affari Regionali e le Autonomie

Il Progetto, realizzato  Dipartimento per gli Affari Regionali e le Autonomie della Presidenza del Consiglio dei Ministri, è finalizzato a sostenere il processo di riforma delle autonomie locali prevista dalla L. 56/2014 (c.d. Riforma Delrio), attraverso un  processo di "review" dell'intera geografia amministrativa territoriale, condiviso con tutti i livelli di governo e con un forte ruolo dell'associazionismo degli enti locali.

Tre i pilastri della strategia del progetto:

  1. modernizzazione del sistema amministrativo territoriale;
  2. miglioramento delle prestazioni delle amministrazioni pubbliche e potenziamento della capacità di governance degli enti;
  3. sperimentazione e diffusione di pratiche innovative.

Le attività prevedono il coinvolgimento attivo di Regioni, Province, Comuni ed Unioni di Comuni, e si articolano in 3 modelli di intervento collegati tra loro e pensati  per  favorire la cooperazione operativa, la sperimentazione di nuove soluzioni e la diffusione di pratiche innovative:

  • il Laboratorio permanente, volto a migliorare la cooperazione operativa tra i diversi destinatari per l’attuazione della Legge Delrio nei territori di riferimento;
  • gli Atelier tematici, che rappresentano lo spazio dedicato ai temi che necessitano di ricerca, sperimentazione, modellizzazione ed ottimizzazione con l’obiettivo di definire modelli innovativi ed efficienti di gestione dei servizi e/o la creazione di sistemi trasparenti e partecipati;
  • le Filiere di riuso che nascono per favorire la diffusione di pratiche innovative  nella logica di trasferimento dei contenuti da uno a molti.

Durata: 2016-2019
Importo: 13.085.265,98 di euro
Per informazioni: italiae.dara@governo.it

scarica in PDF

 Torna su

_____________________________________________________
logo italia login

Italia Login: la casa del cittadino
Beneficiario: AGID

“Italia Login: la casa del cittadino” è l’ecosistema che rivoluziona i servizi pubblici puntando alla realizzazione della cittadinanza digitale.

Il progetto, che è realizzato dall’Agenzia per l’Italia Digitale, mira alla trasformazione digitale dei servizi pubblici creando  un’interfaccia semplificata accessibile da tutti i dispositivi. Il cittadino, attraverso un profilo unico, dialoga direttamente con la PA: riceve, invia e conserva lo storico di tutte le comunicazioni, riceve avvisi di scadenze, fa e riceve versamenti, archivia i propri documenti, interagisce con l’anagrafe digitale, esprime valutazioni su servizi e fornisce feedback e suggerimenti.

Italia Login è una complessa infrastruttura tecnologica che consente di semplificare il dialogo tra la Pubblica Amministrazione, i cittadini e le imprese, nell’ottica della trasparenza e della riduzione degli oneri burocratici, con l’obiettivo di rafforzare l’efficacia dell’azione amministrativa e realizzare il nuovo modello evolutivo del sistema informativo nazionale.

Grazie a un’esperienza di navigazione facilitata e all’utilizzo di strumenti di intelligenza artificiale finalizzati a creare contenuti personalizzati, Italia Login racchiuderà servizi e informazioni destinati a tutti i  cittadini.

Non si tratta di un semplice portale ma di un hub per l’accesso semplificato ai servizi pubblici digitali che – sulla base degli standard, delle linee guida e delle infrastrutture immateriali messe a disposizione da AgID – si propone di rendere più semplice e soddisfacente il rapporto tra cittadini e burocrazia.

Durata 2016-2023
Risorse 50.000.000,00 euro
Per informazioni : info@agid.gov.it

scarica in PDF

 Torna su

_____________________________________________________
logo strategia nazionale aree interne

La Strategia Nazionale per le Aree Interne e i nuovi assetti istituzionali
Beneficiario: Dipartimento della funzione pubblica

In linea con la riforma delle amministrazioni locali, il progetto supporta il Comitato Tecnico Aree Interne e i comuni partecipanti alla Strategia Nazionale per le Aree Interne nel processo di riorganizzazione dei servizi pubblici nelle 72 aree interne individuate, con particolare riferimento alla gestione associata delle funzioni fondamentali, per  rafforzare la loro capacità amministrativa di gestione dei servizi e realizzare gli interventi previsti dalla strategia.

L’obiettivo del progetto, attuato dal Dipartimento della funzione pubblica,  è di favorire la nascita e/o il consolidamento di forme di governo integrate dei servizi pubblici locali comunali che rispettino le caratteristiche territoriali, le dimensioni  degli enti interessati e il fabbisogno espresso dallo stato di attuazione della Strategia nelle singole aree.

L’iniziativa  prevede la valutazione dei processi associativi in atto presso i comuni interessati e l’attuazione di attività a supporto della realizzazione dei processi associativi delle “aree interne”.

Il monitoraggio dei processi di aggregazione intercomunale nelle aree interne e l’individuazione di buone pratiche sul tema dell’associazionismo, consentiranno di utilizzare i risultati del progetto anche da parte di enti locali non direttamente interessati dalla strategia nazionale per le aree interne e da altre amministrazioni che dovranno attuare interventi di gestione associata di servizi, favorendo il potenziamento delle capacità amministrative di governance locale nel suo complesso.

Durata 2016-2018
Risorse 1.500.000,00 euro
Email:progettoareeinterne@formez.it

scarica in PDF

Torna su

___________________________________________________
logo lavoro agile

Lavoro Agile
Beneficiario: Dipartimento per le Pari Opportunità

Il progetto, pensato e realizzato dal  Dipartimento per le Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri, finanzia  un importante  azione di sistema sul tema della conciliazione vita – lavoro che, in linea con la L. 124/2015 (c.d. Riforma Madia) in materia di riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche, prevede la sperimentazione di nuove modalità spazio-temporali per svolgere l’attività lavorativa.

L’adozione di modalità di lavoro flessibili è, infatti, un fattore fondamentale per migliorare  la conciliazione tra la vita familiare e professionale delle donne e degli uomini, costituendo il primo passo anche per una più equa suddivisione dei compiti di assistenza e cura familiare.

Attraverso il ricorso a strumenti di “lavoro agile”, quali lo smart working ed il co-working, si intendono promuovere interventi di miglioramento organizzativo e manageriale per favorire l’erogazione dei servizi a vantaggio dei cittadini e per sostenere una Pubblica amministrazione più efficiente, moderna e  organizzata, abbattendo i costi generali e aumentando la produttività e la motivazione del personale.

Le attività previste dal progetto sono :

  • un’analisi delle esperienze più significative in tema di lavoro agile realizzate, a livello pubblico e privato, sia in ambito nazionale che internazionale;
  • l’individuazione di percorsi operativi di lavoro flessibile e la realizzazione di progetti pilota per la sperimentazione nella PA di forme agili di organizzazione del lavoro nello spazio e nel tempo;
  • la definizione di manuali e documenti;
  • l’attivazione di una rete a supporto dell’azione di sistema e attività di informazione e comunicazione.

Durata 2016-2019
Risorse 5.500.000,00 di euro
Per informazioni: segreteria.interventipariop@governo.it

scarica in PDF

 Torna su

_____________________________________________________
logo metropoli strategiche

Metropoli strategiche
Beneficiario: ANCI

Il progetto, realizzato dall’Anci, sostiene e accompagna i cambiamenti organizzativi e lo sviluppo delle competenze legate alle innovazioni istituzionali nelle Città Metropolitane.

In particolare l’intervento supporta il processo di ri-organizzazione delle città metropolitane mediante la realizzazione di interventi di “change management”, la definizione e introduzione di politiche innovative coerenti con l’implementazione della strategia di open government e con  il riutilizzo dei dati e la trasparenza della PA -da attuare in sinergia con Agid-, in un’ottica di semplificazione amministrativa, razionalizzazione e innovazione dei servizi, a partire da quelli “di sistema” per gli Enti Locali delle Città Metropolitane.

Il progetto si basa sul coinvolgimento diretto, continuo e attivo delle strutture politiche e amministrative delle Città Metropolitane e dei Comuni al loro interno, sul contributo del Coordinamento dei Sindaci Metropolitani istituito in Anci e sulla forte integrazione con le azioni di capacity building che il Dipartimento della funzione pubblica, il Dipartimento per gli Affari Regionali e le Autonomie, l'Agenzia per la Coesione e l'Agenzia per l'Italia Digitale svilupperanno attraverso il PON Governance e il PON Metro a valere sugli stessi territori.

Il progetto interviene su tre aree tematiche di intervento:

  • i Piani di riassetto istituzionale e organizzativo dell'area metropolitana;
  • i Piani strategici metropolitani;
  • la Semplificazione amministrativa in materia edilizia e urbanistica.

Durata 2017-2019
Risorse 3.660.000,00 euro
Per informazioni: metropolistrategiche@anci.it

scarica in PDF

 Torna su

_____________________________________________________
logo pon gov cronicità

PON GOV CRONICITÀ - Sostenere la sfida alla cronicità con il supporto dell’ICT
Beneficiario:  Ministero della Salute

Integrare i modelli di cura tramite il supporto dell’ICT consente  di sviluppare un lavoro in rete per migliorare l’offerta di cure e aumentarne la distribuzione sul territorio contenendo la spesa per le malattie croniche che, si stima, assorbirà fino all’80% delle risorse assegnate al SSN.

Il progetto, realizzato dal Ministero della Salute,  contribuisce a ridefinire e innovare l’offerta dei servizi del SSN “costruendo” una Cassetta degli strumenti per supportare le Regioni nella progettazione e implementazione di soluzioni innovative per sostenere la sfida della cronicità, promuovendo comunità di pratica multi profilo e multidisciplinari.

Nello specifico l’intervento  fornirà indirizzi strategici, metodologie e strumenti volti a: individuare modelli innovativi di gestione della salute, con particolare riguardo al problema della cronicità; supportare con l’ ICT l’efficacia e l’efficienza degli investimenti (programmazione e spesa) effettuati con Fondi strutturali a livello regionale, relativamente al tema della Cronicità; mettere a fattor comune le azioni relative all’e Government; definire piani di miglioramento in cui evidenziare gli opportuni interventi normativi sul tema in un’ottica di sistema.

Durata 2017-2023
Risorse 21.154.946,00 euro
Per informazioni:pongovsalute@sanita.it

scarica in PDF

 Torna su

_____________________________________________________
logo razionalizzazione infrastruttura ict e migrazione al cloud

Razionalizzazione infrastruttura ICT e migrazione al cloud
Beneficiario: Agenzia per l’Italia Digitale (AGID)

Il progetto è parte di un  modello a tre livelli (Ecosistemi, Infrastrutture immateriali nazionali e Infrastrutture fisiche), realizzato da AGID - in coerenza con la strategia per la “Crescita Digitale”-   che prevede lo  sviluppo digitale della pubblica amministrazione.

In particolare, questo intervento  ha come obiettivo la razionalizzazione dei Data Center della PA mediante migrazione e/o trasformazione degli stessi verso il Cloud consentendo così:

  • il risparmio di spesa derivante dalla trasformazione e razionalizzazione dei Data Center;
  • l’aumento della qualità dei servizi offerti dai Data center della PA, in termini di sicurezza, resilienza, efficienza energetica e business continuity;
  • l’aumento dell’efficienza e dell’economicità dei servizi digitali con la realizzazione di un sistema -denominato Cloud della PA- che renda disponibili le risorse ICT di cloud provider qualificati e di un MarketPlace PA che incentivi il mercato delle applicazioni SaaS erogate direttamente nell’ambiente Cloud della PA.

A tal fine saranno realizzati i seguenti interventi:

  • un Censimento del patrimonio ICT in esercizio presso la Pubblica Amministrazione per  suddividere, in base alle risposte fornite dalle Amministrazioni, gli enti in possesso di infrastrutture fisiche in diversi cluster. Il primo Cluster sarà quello dei Poli strategico nazionali (PSN), di cui faranno parte le Pubbliche Amministrazioni  proprietarie di un insieme di infrastrutture fisiche (data center, connettività);
  • un  processo per la creazione dei Poli Strategici Nazionali;
  • un  percorso di razionalizzazione delle infrastrutture fisiche nazionali (CED PA) e della relativa attuazione, grazie all’attivazione di  interventi ad hoc per i diversi cluster individuati verso l’adesione al cloud;
  • una forma di accompagnamento alle PA per la razionalizzazione dei CED e il Monitoraggio della performance.

Durata 36 mesi
Risorse 20.000.000,00 euro
Per informazioni : info@agid.gov.it

scarica in PDF

 Torna su

_____________________________________________________

RiformAttiva Metodi e strumenti per l’implementazione e diffusione attiva della riforma della PA
Beneficiario: Dipartimento della funzione pubblica

Il progetto, realizzato dal Dipartimento della funzione pubblica,  risponde alla finalità di accompagnare le riforme della PA ed è articolato in tre importanti linee d’azione:

  1. Il supporto all’attuazione  della L. 124/2015 recante “Deleghe al Governo in materia di riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche” (c.d. Riforma Madia), attraverso iniziative pilota rivolte alle amministrazioni pubbliche territoriali che saranno utilizzate, come “laboratorio istituzionale”, per l’adozione ed integrazione di nuove regole nell’ambito dei processi interni. I risultati e i  modelli ottenuti saranno   “replicabili” a vantaggio di tutte le amministrazioni del  territorio nazionale.
  2. L’attivazione di un coordinamento operativo dei progetti di accompagnamento alle riforme della Pubblica Amministrazione, in capo al Dipartimento della Funzione Pubblica, al fine di condividere e valorizzare le buone pratiche, le competenze e le soluzioni di modernizzazione realizzate dalle singole iniziative e governare “il raccordo” tra i progetti stessi.
  3. La costituzione di un “Osservatorio nazionale” che identifichi, raccolga e integri tutto il patrimonio informativo esistente sulle Pubbliche Amministrazioni e che consenta la migliore definizione delle linee d’intervento a supporto del rafforzamento della capacità amministrativa.

 

Durata 2017-2020
Risorse 7.000.000,00 euro
Per informazioni: riformattiva@governo.it

scarica in PDF

 Torna su

_____________________________________________________
Logo Sinergie

Sinergie 14-20 Risorse comuni per il rafforzamento della capacità amministrativa
Beneficiario: Dipartimento della funzione pubblica

Il progetto contribuisce a migliorare la capacità attuativa, di pianificazione e di coordinamento delle amministrazioni titolari di Programmi Operativi che finanziano interventi nell’ambito degli Obiettivi Tematici 11 e 2 Agenda digitale dell’Accordo di Partenariato.

Nello specifico l’iniziativa prevede:

  • sviluppo di risorse comuni attraverso l’attivazione di Aree di Lavoro Comune e l’individuazione di Protocolli che integrano lo sviluppo delle competenze delle Amministrazioni in termini di coordinamento, complementarietà, misurazione, monitoraggio e valutazione degli interventi;
  • valorizzazione e trasferimento di risorse comuni per la diffusione di metodologie e di strumenti per il rafforzamento della capacità amministrativa.

Il progetto supporta, inoltre, il Dipartimento della funzione pubblica e le Amministrazioni titolari di PO nella verifica dello stato di avanzamento degli interventi, finanziati nell’ambito dei due Obiettivi Tematici, attraverso la definizione di un sistema di monitoraggio che esamina gli aspetti quantitativi e qualitativi degli interventi - grazie alla collaborazione con IGRUE (Sistema Nazionale di Monitoraggio) - e procede, ove necessario, all’individuazione delle relative variabili e indicatori.

L’intervento prevede, infine, azioni di supporto all’utilizzo di risorse e strumenti per lo sviluppo di sistemi di Performance Management per il rafforzamento della capacità amministrativa e lo sviluppo di attività in grado di:

  • potenziare la conoscenza e l’utilizzo di metodologie e strumenti per migliorare la capacità amministrativa delle amministrazioni pubbliche;
  • rafforzare la capacità di Performance Management delle amministrazioni (autodiagnosi, pianificazione e monitoraggio);
  • favorire a livello europeo nell’ambito del CAF network, anche in collaborazione con la CE-DG Employ, la definizione di azioni e linee guida volte a promuovere il contributo del CAF alle azioni di rafforzamento della capacità amministrativa.

La promozione delle attività avverrà attraverso il sito Qualità nella Pubblica Amministrazione che verrà opportunamente riorganizzato.

Le iniziative sono coordinate dal Comitato di Pilotaggio, organismo previsto dall’Accordo di Partenariato, al quale partecipano, tra gli altri, i rappresentanti delle Amministrazioni destinatarie degli interventi previsti dal progetto.

Durata 2016-2018

Risorse 3.300.000,00 euro

scarica in PDF

 Torna su

_____________________________________________________