Lavoratori pubblici

I lavoratori pubblici sono il motore del cambiamento della pubblica amministrazione. Accettare la sfida per tornare ad essere orgogliosi di lavorare nel pubblico è possibile. La riforma si propone di valorizzare le competenze eliminando gli automatismi di carriera e l’inamovibilità. Per questo sarà introdotto il ruolo unico della dirigenza e l’abolizione del sistema delle fasce.

Sarà eliminata l’inamovibilità della dirigenza e premiato il merito. L’accesso agli incarichi avverrà attraverso un sistema di selezione dove peseranno le valutazioni ottenute nello svolgimento dei precedenti incarichi e rilasciate da un organismo indipendente. I dirigenti, selezionati per concorso, potranno salire o scendere di livello durante la carriera sulla base delle valutazioni ricevute.

(Legge 124/2015, art. 11)

 

04 Agosto 2015

Nuove misure per il telelavoro e altre modalità per aiutare le cure parentali in modo da assicurare che almeno il 10% dei dipendenti pubblici che lo richiedano possano avvalersi di tale modalità senza alcuna penalizzazione ai fini del riconoscimento professionale e della progressione di carriera.

(Legge 124/2015, art. 14)

04 Agosto 2015

Possibilità per le amministrazioni pubbliche di stipulare convenzioni con asili nido e scuole dell’infanzia, con anche organizzazione di servizi di supporto durante i periodi di chiusura delle scuole.

(Legge 124/2015, art. 14)

04 Agosto 2015