La semplificazione della modulistica

Incertezza nei tempi, costi eccessivi e i tanti adempimenti attualmente previsti sono ostacoli sia per la vita dei cittadini che per chi vuole "fare impresa". Un intervento decisivo di riduzione e razionalizzazione della modulistica, sia in ambito SUAP che nel settore edilizia, è stato fortemente richiesto nel corso delle ultime consultazioni ed è diventato obiettivo importante dell’azione di semplificazione.

Oggi l’Agenda per la semplificazione punta, tra le altre cose, a dare attuazione ad alcune semplificazioni già adottate (ad esempio Sportello unico attività produttive, autorizzazione unica ambientale, SCIA) e a introdurre nuove misure per  l’unificazione e la razionalizzazione della modulistica.

L’Autorizzazione unica ambientale (AUA), operativa dal giugno del 2013, ha sostituito fino a sette autorizzazioni ambientali diverse (ad esempio: l'autorizzazione allo scarico di acque reflue, l'autorizzazione alle emissioni in atmosfera, la documentazione di impatto acustico, ecc.). Il modulo unico standardizzato che è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 30 giugno 2015,  rappresenta una ulteriore semplificazione perché supera la vecchia modulistica diversificata e agevola le imprese e i tecnici nella compilazione. L'Operatività dell’AUA è una delle azioni previste dall'Agenda per la semplificazione.

La predisposizione della modulistica edilizia è stata completata con l’intesa, nella Conferenza Unificata del 16 luglio 2015, sul modulo semplificato e standardizzato per la DIA alternativa al permesso di costruire. Erano già stati adottati i modelli per il permesso di costruire, la SCIA, la CIL e la CILA.  Ora le regioni sono al lavoro per adattare la modulistica alle specificità regionali (si veda la pagina con il monitoraggio sull'attuazione).

Con l’accordo siglato il 12 giugno 2014 tra Governo, Regioni ed Enti Locali in Conferenza Unificata, sulla base dell’intensa attività svolta dal tavolo per la semplificazione, sono stati approvati i moduli unificati e semplificati per la presentazione della Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA) edilizia e la richiesta del permesso di costruire. 

Sono state concluse le attività istruttorie ai fini dell’adozione del decreto legislativo n. 222 del 25 novembre 2016, recante “Individuazione dei procedimenti oggetto di autorizzazione, Scia, silenzio assenso e comunicazione e di definizione di regimi amministrativi applicabili a determinate attività e procedimenti, ai sensi dell’art. 5 della legge 7 agosto 2015, n.124” che rappresenta la base di riferimento sui cui è stata predisposta la nuova modulistica nelle aree Impresa ed Edilizia. 

Sulla base di una impegnativa istruttoria, che ha coinvolto anche le associazioni imprenditoriali, il 4 maggio e il 6 luglio 2017 la Conferenza unificata ha approvato numerosi modulisti unificati e semplificati in materia di attività edilizia e commerciali e assimilate, nonché le relative istruzioni operative che indicano tutto quello che non può più essere richiesto ai cittadini.  

Al fine di consentire l'interoperabilità e lo scambio dei dati tra le amministrazioni, sono stati approvati con un ulteriori accordi (del 5 ottobre 2017 e del 22 febbraio 2018) gli allegati tecnici e gli schemi dati XML che integrano la modulistica già approvata.

Il lavoro del tavolo tecnico per la semplificazione continua con la standardizzazione della modulistica prevista dalla Tabella A, allegata al Decreto Legislativo 25 novembre 2016, n.222.
Il 22 febbraio 2018 è stato approvato in Conferenza unificata un ulteriore pacchetto di moduli completi dei relativi schemi dati XML.

Per tutti gli avanzamenti dell'attività si veda il sito web dell'Agenda per la semplificazione.

 

Data di pubblicazione: 22 Febbraio 2016