La riforma della PA

Obiettivo dell’azione di Governo è ricostruire la fiducia tra cittadini e Stato recuperando risorse per restituirle sotto forma di servizi, valorizzare i dipendenti pubblici come motore del cambiamento,  sostenere lo sviluppo e incentivare l’occupazione. Con questa consapevolezza è stata varata una riforma al servizio di 60 milioni di cittadini e a sostegno della ripresa economica. La legge delega di riforma della PA, approvata in via definitiva dal Parlamento, mira a semplificare uno Stato divenuto sempre più pesante e complesso.

La riforma è concepita col criterio della massima semplicità. Non vuole appesantire e complicare il quadro normativo, ma interviene per rendere più efficaci le norme che ci sono, modificandole laddove l’interlocuzione con i cittadini e con le imprese ha dimostrato che negli anni si sono creati dei blocchi. Per la prima volta infatti la riforma della pubblica amministrazione non è stata concepita come una riforma di settore ma come un progetto di cambiamento del paese. Per questo un primo filone di interventi riguarda il rapporto tra cittadini e la pubblica amministrazione, il secondo punta a rendere maggiormente competitivo il paese stabilendo tempi precisi e regole certe per le autorizzazioni che le pubbliche amministrazioni devono rilasciare a chi vuole investire, il terzo attiene alla riorganizzazione dello Stato e, in particolare, ai lavoratori pubblici. La legge 124/2015  contiene alcune norme autoapplicative, come il silenzio assenso tra amministrazioni e l’autotutela ovvero l’impossibilità per un’amministrazione di cambiare idea su un provvedimento dopo 18 mesi, e prevede l’emanazione di decreti attuativi al fine di rendere operative le norme in essa contenute.

Preceduta da una consultazione pubblica sulle linee guida della riforma della pubblica amministrazione, che ha visto circa 40.000 mail di commenti e proposte da parte dei cittadini, la riforma della Pa poggia sulle deleghe comprese nella legge 7 agosto 2015 n. 124 e sul decreto legge 24 giugno 2014 n. 90, convertito dal Parlamento nella legge 11 agosto 2014 n. 114. 

Notizie

Sistema pubblico identità digitale

Cittadinanza digitale

11 Gennaio 2017

Un milione di identità Spid, si amplia l'offerta dei servizi

Con Spid da lunedì sarà possibile iscrivere i figli a scuola per l’anno scolastico 2017-2018. Crescita delle identità digitali da novembre ad oggi anche grazie a 18app e Carta del docente

Uno Stato più organizzato

10 Ottobre 2016

riformaPA@governo.it, una finestra sulla riforma

E' attivo un account mail per seguire da vicino la fase di attuazione della riforma della pubblica amministrazione e monitorare i risultati concreti che produce. Lettera aperta della ministra Madia a cittadini, lavoratori pubblici, imprenditori e amministratori per invitarli ad utilizzare questo canale 

Trasparenza e open data

01 Settembre 2016

Conclusa la consultazione pubblica sul terzo piano d'azione OGP

Con più di 350 interventi da parte di oltre 100 commentatori è terminata la consultazione sul sito open.gov.it. L'azione che ha suscitato maggior interesse è stata il Foia nella sezione Trasparenza e Open data. La stesura definitiva dell'action plan è prevista entro il 20 settembre

Lavorare per il pubblico

26 Agosto 2016

Una Pubblica amministrazione di cui essere orgogliosi

Alle donne e agli uomini della Pa che in queste ore sono corsi in aiuto delle popolazioni terremotate: grazie per quello che state facendo. Il Consiglio dei ministri approva quattro nuovi decreti legislativi della riforma della Pa

Uno Stato più organizzato

28 Luglio 2016

La riforma compie un altro passo avanti

Sblocca-procedimenti, porti, dirigenti sanitari e forze di polizia hanno ottenuto il via libera definitivo del Consiglio dei ministri. Salgono così ad otto i decreti della riforma della pubblica amministrazione diventati legge

Tempi certi, decisioni sicure

28 Luglio 2016

In vigore la nuova Conferenza di servizi

Il Dipartimento della Funzione Pubblica ha provveduto a elaborare una guida per chi dovrà d’ora in poi applicare le nuove norme, alcune Faq esplicative e un minidossier su cosa cambierà per imprese e cittadini, che affiancherà le slide della riforma. Attivo anche un helpdesk rivolto a operatori, cittadini e imprese