I decreti attuativi

Con la legge 124/2015 il Parlamento ha delegato il governo ad avviare un grande progetto di modernizzazione del Paese. In questo processo il governo ha, fin dal suo insediamento, riservato una particolare attenzione all’attuazione e all’implementazione delle leggi.
La riforma della pubblica amministrazione prevede deleghe attuative da esercitarsi nell’arco dei 12 mesi dall’approvazione, ad eccezione del decreto sul pubblico impiego e quello su Aci/Pra per il quale sono stati previsti 18 mesi. Queste scadenze sono state anticipate per la prima tranche di decreti. Il decreto taglia-leggi, attuativo dell’articolo 21, è stato approvato in via definitiva dal Consiglio dei ministri il 15 gennaio 2016.
Il primo pacchetto di decreti attuativi relativi a cittadini e imprese è stato presentato in Consiglio dei ministri il 20 gennaio 2016: oltre al regolamento per l’accelerazione dei procedimenti, figurano i decreti relativi alla cittadinanza digitale, al Freedom of Information Act (FOIA) e trasparenza, ai licenziamenti disciplinari, ai procedimenti autorizzativi, alla conferenza dei servizi, alle autorità portuali, alla dirigenza sanitaria, alle Forze di polizia, alle società partecipate, ai servizi pubblici locali. 
Il 30 giugno 2016 il Consiglio dei ministri ha presentato il decreto attuativo relativo al codice della giustizia contabile.
Un secondo gruppo di decreti attuativi è stato presentato in Consiglio dei ministri il 25 agosto 2016: oltre al decreto sul riordino delle Camere di Commercio figurano i decreti sulla disciplina della dirigenza della Repubblica, sulla semplificazione delle attività degli enti di ricerca e sul Comitato paralimpico.
Dopo la sentenza della Corte Costituzionale 251/2016 e il parere del Consiglio di Stato 83/2017, il Consiglio dei ministri ha emanato – il 17 febbraio 2017 – due decreti correttivi e integrativi dei testi sulle società partecipate e sui licenziamenti disciplinari.
Il 23 febbraio 2017 il Consiglio dei ministri ha presentato gli ultimi decreti attuativi della legge 124/2015: la riforma del testo unico del pubblico impiego, la nuova disciplina della valutazione e della performance, il riordino delle carriere delle forze di polizia, delle funzioni dei vigili del fuoco e dell’Aci/Pra.
Il 21 luglio 2017 è stato emanato, dal Consiglio dei ministri, il decreto correttivo e integrativo del testo sulla dirigenza sanitaria. 
Nel mese di settembre 2017 è prevista l’emanazione, da parte del Consiglio dei ministri, dei decreti correttivi e integrativi dei testi sul Codice dell’amministrazione digitale, sulle forze di polizia e sulle autorità portuali. 

 

Decreti

Procedimenti disciplinari

Chi truffa sulle presenze in entrata o direttamente o per interposta persona, se colto in flagranza di reato, sarà subito sospeso e sarà contestualmente avviato l’iter per il licenziamento che dovrà concludersi entro 30 giorni.
In vigore dal 13 luglio 2016

Vigili del fuoco

Si migliora l’efficacia delle funzioni attribuite al Corpo nazionale dei vigili del fuoco, in seguito al trasferimento delle competenze del Corpo forestale dello Stato in materia di lotta attiva contro gli incendi boschivi , anche con l’utilizzo dei mezzi aerei già in possesso del CFS per le funzioni antincendio.
In vigore dall'8 luglio 2017 

Società Partecipate

Con il testo unico sulle società partecipate, che si applica alle società di capitali, si riducono per il presente le società e sono individuati criteri qualitativi e quantitativi attraverso i quali razionalizzare a regime la platea delle partecipate.
In vigore dal 23 settembre 2016

ACI-PRA

Si razionalizzano i processi di gestione dei dati di circolazione e di proprietà di autoveicoli, motoveicoli e rimorchi, al fine di ridurre i costi di gestione da parte delle amministrazioni, realizzando risparmi per i cittadini.
In vigore dal 24 luglio 2017

Forze di Polizia

Un primo decreto riduce da 5 a 4 i corpi di polizia con l’eliminazione delle duplicazioni delle funzioni e la gestione associata dei servizi comuni. Con l’assorbimento del Corpo forestale dello Stato nei carabinieri prende vita la più grande forza agroalimentare d’Europa. Con un successivo decreto vengono riviste le carriere delle 4 Forze di polizia per valorizzarne la professionalità, rendendo più semplici le progressioni di carriera e valorizzando il merito.

Lavoro pubblico

Il testo unico sul pubblico impiego riorganizza le regole del lavoro pubblico in funzione dei servizi che devono arrivare ai cittadini, valorizzando le persone che lavorano nella pubblica amministrazione. Tra le principali novità la possibilità di assumere i lavoratori precari che hanno superato un concorso, la riforma delle modalità di reclutamento, l’introduzione della logica dei fabbisogni, un modello più equilibrato di relazioni sindacali. 
In vigore dal 22 giugno 2017

 

Performance e valutazione

Con il decreto si introducono gli “obiettivi generali” della pubblica amministrazione, legati a indicatori misurabili e verificabili dai cittadini e si cambia la valutazione, puntando sulla performance organizzativa e garantendo la differenziazione dei risultati e dei trattamenti economici.
In vigore dal 22 giugno 2017

Comitato Paralimpico

E' prevista la trasformazione del Comitato Italiano Paralimpico in ente autonomo di diritto pubblico, nell'ambito della più ampia riorganizzazione degli enti pubblici non economici nazionali. Si riconoscono così le peculiarità dello sport per persone affette da disabilità.
In vigore dal 20 aprile 2017

Procedimenti autorizzativi

Sarà possibile presentare presso un solo ufficio, anche in via telematica, un unico modulo valido in tutta Italia per l’avvio di attività economiche e edilizie. Ci sarà un unico ufficio a cui rivolgersi. In tempi certi si avrà una risposta.
SCIA in vigore dal 28 luglio 2016
SCIA 2 in vigore dall'11 dicembre 2016

Enti di ricerca

Autonomia gestionale e statutaria per gli Enti pubblici di ricerca, recepimento della Carta europea dei ricercatori e più libertà nelle assunzioni dei ricercatori. Come accade già per le Università, gli Enti che hanno risorse per farlo potranno assumere liberamente, a condizione di non superare, per le spese del personale, il limite dell'80% del proprio bilancio.
In vigore dal 10 dicembre 2016

Camere di commercio

Riduzione dalle attuali 105 a un massimo di 60 Camere di commercio. Dimezzamento del diritto annuale a carico delle imprese; taglio del 30% del numero dei consiglieri; gratuità per tutti gli incarichi degli organi diversi dai collegi dei revisori.
In vigore dal 10 dicembre 2016

Sblocca procedimenti

Al fine di attrarre capitali si attivano procedure accelerate per investimenti strategici di grande rilevanza finanziaria e forte impatto occupazionale sul territorio. Comuni e regioni, ma anche il presidente del Consiglio, potranno individuare gli investimenti per cui richiedere al governo tempi accelerati.
In vigore dall'11 novembre 2016

Codice dell’amministrazione digitale

Dal 31 dicembre del 2017 sarà rivoluzionato il rapporto tra cittadini e amministrazioni pubbliche. I cittadini potranno accedere ai servizi pubblici con un  unico nome utente e un’unica password e potranno avere un domicilio digitale con cui inviare e ricevere dalle pubbliche amministrazioni comunicazioni e documenti per via digitale.
In vigore dal 14 settembre 2016

Forze di polizia

Sono ridotti da 5 a 4 i corpi di polizia con l’eliminazione delle duplicazioni delle funzioni e la gestione associata dei servizi comuni. Con l’assorbimento del Corpo forestale dello Stato nei carabinieri si darà vita alla più grande forza agroalimentare d’Europa.
In vigore dal 13 settembre 2016

Codice della giustizia contabile

Una raccolta organica e sistematica delle disposizioni processuali di tutte le tipologie di giudizi che si svolgono davanti alla Corte dei conti: da quelli sulla responsabilità erariale ai giudizi di conto, a quelli sanzionatori e pensionistici.
In vigore dal 7 ottobre 2016

Direttori sanitari

Si agisce sul reclutamento e sulla revoca dei direttori sanitari. Sarà istituito presso il ministero della Salute un elenco nazionale di quanti hanno i requisiti per la nomina di direttore generale delle aziende sanitarie.
In vigore dal 18 settembre 2016

Porti

Sono istituite 15 Autorità di sistema portuale (AdSP) che raggruppano i maggiori porti italiani. Il riordino del sistema portuale avverrà con la revisione della governance di funzionamento e con misure di semplificazione. Dal riordino sono esclusi i porti franchi.
In vigore dal 15 settembre 2016

Conferenza dei servizi

La riforma della Conferenza dei servizi consentirà decisioni più rapide con riunioni telematiche e/o fisiche ma con tempi certi e programmati. Le amministrazioni non potranno più bloccarsi a vicenda e si deciderà al massimo entro 5 mesi
In vigore dal 28 luglio 2016

Foia e Trasparenza

Si introduce il Freedom of Information Act (Foia): un cittadino potrà  accedere a dati e documenti della pubblica amministrazione anche se non sono stati resi pubblici. L’accesso a dati e documenti permette così di ridurre gli obblighi di pubblicazione delle amministrazioni.
In vigore dal 23 giugno 2016