Come realizzare il Registro degli accessi

Avvio della Consultazione

Il Registro degli accessi rappresenta la parte delle richieste di accesso FOIA “accessibile dall’esterno”, visto che viene pubblicato nella Sezione Amministrazione Trasparente.

La Circolare FOIA n. 2/2017 suggerisce per la realizzazione del registro di  riutilizzare le funzionalità dei sistemi di protocollo informatico, in quanto si tratta di una soluzione di facile realizzazione ed al contempo in grado di rendere più efficiente il processo complessivo di gestione delle richieste.

Al fine di supportare le amministrazioni interessate ad adottare tale soluzione il Dipartimento della funzione pubblica ha prodotto un set di indicazioni operative che mirano ad illustrare:

  • i dati minimi che ogni Registro degli accessi deve rendere disponibili a fronte di una richiesta di accesso (sia ai fini di una loro estrazione e pubblicazione sul sito, sia per essere trasmessi/acquisiti per funzioni di monitoraggio periodico a cura di DFP/ANAC);
  • i metadati definibili in un sistema di protocollo informatico eventualmente già in uso presso un’amministrazione, affinché la creazione del Registro degli accessi non richieda sviluppi ad hoc, ma sia realizzabile attraverso semplici interventi di configurazione e manutenzione dei sistemi già in essere.

Le regole tecniche/indicazioni operative sono state sottoposte a Consultazione. Lo scopo della consultazione è quello di acquisire il più ampio consenso rispetto ad un set di istruzioni condivise per la gestione delle richieste e sul formato di esportazione delle informazioni da pubblicare sul sito, sollecitando anche i fornitori di sistemi di protocollo informatico.

Al fine di facilitare la diffusione e la condivisione di conoscenze, iI Dipartimento della funzione pubblica inoltre metterà a disposizione una sezione del proprio sito sulla quale i fornitori potranno pubblicare le istruzioni per configurare i diversi sistemi di protocollo informatico, in modo da consentire una facile realizzazione del Registro degli accessi.

In una seconda fase, indicativamente entro l’autunno (cfr. Figura 1), sarà avviata la realizzazione di un sistema di monitoraggio “federato” che, utilizzando eventuali Web service e/o interfacce REST offerte dai Registri degli accessi, consentirà di monitorare lo stato di avanzamento del FOIA nelle diverse amministrazioni ed offrirà funzionalità di analytics e di business intelligence.

Le soluzioni software a supporto del sistema di monitoraggio federato saranno rese disponibili in formato open source anche attraverso la piattaforma della comunità Developers Italia.

Figura 1.  Descrizione Fasi di evoluzione del Framework FOIA

Figura 1. Fasi di evoluzione del Framework FOIA