OCSE

L'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) è una delle organizzazioni internazionali nate nel secondo dopoguerra per favorire la pace tra le Nazioni. L'OCSE è stata istituita nel 1960 con sede a Parigi e ha l'obiettivo di sviluppare la crescita economica sostenibile attraverso il coordinamento delle politiche e la condivisione di esperienze tra i suoi membri, che ad oggi sono 34 Paesi, tra cui l'Italia.

Il Dipartimento della funzione pubblica partecipa alle attività del Comitato Public Governance (PGC) e del Comitato Regulatory Policy (RPC) che si occupano dei principali temi della modernizzazione dell’amministrazione, dell’etica e della corruzione del settore pubblico, del governo elettronico e delle politiche per la semplificazione e la migliore regolazione.

Le attività del PGC sono mirate alla definizione di politiche tese a migliorare l’efficacia dei poteri pubblici e la qualità dei servizi della Pubblica Amministrazione, assicurando un quadro coerente di interventi, basato sulle migliori pratiche rilevate nei Paesi membri. Periodicamente il Comitato esamina ciò che i governi fanno e come cercano di migliorare l'efficacia delle politiche pubbliche, l'efficienza, le risposte ai cittadini e la qualità dei servizi. Da aprile 2015 il Capo del Dipartimento della funzione pubblica è Presidente del PGC. Il 28 ottobre 2015 il PGC si è riunito a livello ministeriale ad Helsinki.

I gruppi di lavoro del PGC
II Dipartimento assicura il coordinamento della partecipazione delle diverse PA italiane coinvolte nei vari gruppi e sottogruppi OCSE che si occupano dei diversi ambiti di modernizzazione amministrativa: esso rappresenta l’Italia direttamente nel gruppo di lavoro sul pubblico impiego, Public Employment and Management (PEM) e in quello sull’innovazione, Observatory on Public Sector Innovation (OPSI). L’Italia ha sostenuto e partecipato attivamente alle attività di cooperazione dell’OCSE con i Paesi terzi, in particolare quelle con i Paesi del Nord Africa e Medio Oriente, Middle East and North Africa (MENA); in tale quadro l’Italia ha la co-presidenza di due Gruppi di lavoro, sul governo elettronico e la semplificazione amministrativa e sulla qualità dei servizi e la migliore regolazione.     

Per quanto riguarda i temi dell’etica e della corruzione del settore pubblico, il Dipartimento partecipa con un suo delegato ai lavori del Senior Public Integrity Officials Network (SPIO) coordinando la partecipazione dell’Italia insieme ad ANAC e AGCM. Uno degli obiettivi del network è quello di individuare le misure che potrebbero avere un impatto positivo sul fenomeno della diminuzione della fiducia nei confronti delle istituzioni pubbliche, in particolare attraverso la lotta contro la corruzione, la promozione di un governo aperto e la trasparenza nel processo decisionale.

Il gruppo di lavoro SPIO è attualmente impegnato nell’aggiornamento della Recommandation on Improving Ethical Conduct in the Public Service adottata dal Consiglio dell’OCSE nel 1998 e che ha guidato i lavori dell'OCSE in materia di integrità del settore pubblico negli ultimi quindici anni. La Roadmap dell’aggiornamento prevede ulteriori fasi di discussione e di consultazione esterna e, infine, la trasmissione al Consiglio per l'adozione e la conseguente pubblicazione entro l’autunno del 2016.

La consultazione pubblica sul Draft Recommendation on Improving Ethical Conduct in the Public Service è disponibile alla pagina dell'OCSE fino al 22 marzo.

Government at a Glance
Il Dipartimento coordina e assicura la raccolta di dati aggiornati e di informazioni sulle pubbliche amministrazioni italiane utilizzate dal Segretariato Generale dell’OCSE per la realizzazione della pubblicazione Government at a Glance; questa raccoglie un insieme di indicatori chiave con l'obiettivo di contribuire all'analisi e al confronto internazionale delle prestazioni del settore pubblico. L’ultima edizione, pubblicata il 6 luglio 2015, contiene nuovi indicatori sull’integrità del settore pubblico, la governance della regolamentazione, il ruolo dei Centri di governo, l’amministrazione digitale, le pratiche e le procedure di bilancio, i dati sull’open government, e una serie più completa di dati sul livello di accesso e sulla qualità dei servizi ai cittadini. Questa edizione include anche una sezione speciale sull'impatto dei vincoli di bilancio e delle riforme del lavoro dal 2009.

Data di pubblicazione: 07 Gennaio 2016