G7/G20 e ONU

G7 e G20
Il Dipartimento della funzione pubblica coordina la partecipazione italiana e di Agid in particolare, e contribuisce a definire la posizione italiana in ambito internazionale nei consessi G7/8 e G20 sul tema degli open data. Nel 2013 l’Italia ha sottoscritto la G8 Open Data Charter e, insieme ai Paesi membri del G8, si è impegnata ad attuare una serie di attività di open data nell’ambito del Piano d’azione collettivo dei Paesi del G8.  La seguente IODC - International Open Data Charter è stata lanciata in occasione dell’incontro internazionale dedicato di Ottawa del 28 e 29 maggio 2015: la Carta internazionale degli open data oltre ad avere l'obiettivo di favorire l'accessibilità, la comparabilità e l'utilità dei dati aperti a livello mondiale, ha la finalità di promuovere l’uso degli open data come strumento di innovazione e sviluppo sostenibile.         

A partire dal 2011 nel G20 l'agenda si è estesa progressivamente anche a tematiche non economico-finanziarie per le quali sono stati costituiti alcuni gruppi di lavoro ad hoc. Le politiche anticorruzione dei Paesi membri sono seguite e monitorate dall'Anti Corruption Working Group (ACWG). Il Dipartimento della funzione pubblica, nello svolgimento delle sue funzioni in materia di prevenzione della corruzione nella pubblica amministrazione e di sostegno ai processi di apertura dei dati delle PA, ha assicurato, in collaborazione con ANAC, la definizione della posizione italiana. La Presidenza turca del 2015 del G20 e precedentemente quella australiana  del 2014, con la vicepresidenza italiana, hanno portato avanti il confronto su High level principles  sul rilascio dei dati aperti da parte delle PA in chiave anti corruzione e sulla realizzazione di un Handbook di buone pratiche. Un intervento del Dipartimento della funzione pubblica è stato svolto nel corso della riunione dell’Anticorruption Working Group del G20 tenutasi a Roma il 9 e 10 giugno 2014.

ONU
L'Assemblea Generale delle Nazioni Unite, nella sua Risoluzione 50/225 in materia di Pubblica Amministrazione e Sviluppo, ha sottolineato i benefici che tutti i paesi traggono dallo scambio di esperienze e di opinioni, al fine di promuovere una maggiore conoscenza e un migliore utilizzo dei diversi ruoli e funzioni del governo e della pubblica amministrazione, e ha chiesto di intensificare la cooperazione internazionale in questo campo, nonché gli scambi Sud-Sud e la cooperazione interregionale.

La Divisione per la Pubblica Amministrazione e lo Sviluppo Manageriale (DPADM) del Dipartimento per gli Affari Economici e Sociali delle Nazioni Unite (UNDESA) è stata incaricata dall'Assemblea Generale dell'ONU di sviluppare, realizzare e coordinare il programma UNPAN, una rete che raccoglie gli attori rilevanti sul piano internazionale, regionale e nazionale per la promozione di una migliore Pubblica Amministrazione.

All'interno di tale programma è stato istituito il Premio ONU per la Pubblica Amministrazione (UNPSA) che viene assegnato annualmente ad organizzazioni ed agenzie governative e non, pubbliche e private, che abbiano contribuito al prestigio, alla professionalità e alla visibilità del servizio pubblico.

Il Dipartimento della funzione pubblica opera nell'ambito dell'UNPAN facendosi parte attive per reperire le candidature italiane.

Data di pubblicazione: 07 Gennaio 2016