La riforma compie un altro passo avanti

28 Luglio 2016

Con l’approvazione definitiva da parte del Consiglio dei ministri di ieri di altri 4 decreti - porti, sblocca-procedimenti, forze di polizia e dirigenti sanitari - salgono a otto i provvedimenti della riforma della pubblica amministrazione diventati legge.
Rispetto ai testi approvati a gennaio anche questa volta sono state recepite le indicazioni dei pareri parlamentari e si è tenuto conto delle osservazioni avanzate dalla Conferenza unificata e dal Consiglio di Stato. Con il regolamento relativo allo sblocca-procedimenti - che crea una corsia preferenziale per tagliare del 50% i tempi burocratici per gli investimenti strategici che creano occupazione - si chiude il pacchetto della riforma relativo alla certezza di regole e di tempi per le imprese.
Insieme allo sblocca-procedimenti ci sono le due norme autoapplicative, come il silenzio-assenso e l’autotutela, e le nuove regole della Conferenza di Servizi e della Scia, entrate in vigore ieri.