Pubblicato il Terzo Piano Ogp che punta su 34 azioni

20 Settembre 2016

E' online da oggi sul sito open.gov.it la versione definitiva del Terzo Piano d'azione italiano Open Government Partnership 2016-2018, frutto di un lavoro congiunto di oltre 20 amministrazioni e del primo Forum nazionale sull'Open Government, a cui hanno partecipato più di 60 organizzazioni provenienti dall'associazionismo, dal mondo universitario, dai centri di ricerca, dalle associazioni di consumatori e di categoria.

Lo ha annunciato oggi il ministro per la Semplificazione e la Pubblica amministrazione, Marianna Madia. La pubblicazione del Piano coincide con le celebrazioni del quinto anniversario della nascita dell'Open Government Partnership, che si terranno oggi pomeriggio a New York a margine dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite. Il Piano prevede 34 azioni (5 volte di più rispetto al Piano precedente), con il coinvolgimento attivo di amministrazioni pubbliche, anche locali, che hanno aderito con convinzione e impegno all'invito del Governo ad essere parte del processo di cambiamento per il Paese.

Alla stesura definitiva del Piano, la cui bozza è stata ridatta con il supporto del Forum e pubblicata lo scorso 15 luglio, si è giunti dopo una consultazione pubblica online che è durata 45 giorni e ha raccolto oltre 350 commenti da più di 100 soggetti, persone fisiche o espressione delle organizzazioni della società civile già facenti parte dell'Open Government Forum, ma anche nuove realtà che hanno così offerto un contributo concreto. Tre le sezioni in cui è diviso il piano e che riguardano Trasparenza e Open data, Partecipazione e accountability, Cittadinanza digitale e innovazione.

Per il Governo, che ha voluto rilanciare con forza l'impegno italiano, l'Open Government con i principi di trasparenza, cittadinza digitale, partecipazione e accountability rientra negli obiettivi complessivi della riforma della pubblica amministrazione. Rispetto alle edizioni precedenti, per l'Italia si tratta di un enorme passo in avanti con cui il Paese si candida ad essere tra gli stati leader sui temi della trasparenza, cittadinanza digitale e partecipazione.

Con la pubblicazione del Piano, cui è seguito un report finale sulla consultazione con la classificazione e l'analisi dei commenti arrivati e il loro eventuale recepimento, si apre la fase di attuazione e monitoraggio delle azioni previste al fine di giungere con i primi risultati all'incontro Ogp di Parigi con i 70 Paesi partecipanti, in programma il prossimo dicembre.