Decreto di sostituzione di un componente della Commissione di valutazione

Versione testuale del documento

VISTO                        il regolamento (UE) n. 1303/2013 del 17 dicembre 2013, recante disposizioni comuni sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo, sul Fondo di coesione, sul Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale e sul Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca e disposizioni generali sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo, sul Fondo di coesione e sul Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca, e che abroga il regolamento (CE) n. 1083/2006 del Consiglio;

VISTO                        il regolamento (UE) n. 1304/2013, relativo al Fondo Sociale Europeo e che abroga il regolamento (CE) n. 1081/2006 del Consiglio;

VISTA                        la delibera CIPE n. 18/2014 e la decisione di esecuzione C(2014) 8021 Final – CCI 2014IT16M8PA001 del 29 ottobre 2014 di approvazione dell’Accordo di partenariato 2014-2020 Italia;

VISTO                        il regolamento delegato (UE) n. 480/2014 della Commissione del 3 marzo 2014 che integra il predetto regolamento (UE) n. 1303/2013;

VISTA                        la decisione della Commissione Europea (2014) n. 10100 del 17 dicembre 2014 con la quale è stato approvato il Programma Operativo Nazionale “Sistemi di Politiche Attive per l'Occupazione” 2014 – 2020 (PON SPAO), a titolarità del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali (MLPS), la cui Autorità di Gestione è individuata nella Divisione II della Direzione Generale per le politiche attive, i servizi per il lavoro e la formazione del MLPS;

VISTO                         il decreto legislativo 150 del 14 settembre 2015 “Disposizioni per il riordino della normativa in materia di servizi per il lavoro e di politiche attive”, ai sensi dell'articolo 1, comma 3, della legge 10 dicembre 2014, n. 183;

VISTO                         il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 13 aprile 2016 relativo all’individuazione delle risorse umane, finanziarie e strumentali del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociale e dell’Isfol da trasferire all’Anpal;

VISTO                         l’articolo 15 della legge 7 agosto 1990 n. 241 che prevede la possibilità, per le amministrazioni pubbliche, di concludere tra loro accordi per disciplinare lo svolgimento di attività di interesse comune;

VISTO                         il decreto legislativo del 18 aprile 2016, n. 50, pubblicato in data 19 aprile 2016 sulla Gazzetta Ufficiale n. 91 del 19 aprile 2016 e, in particolare, l’articolo 5 comma 6 del citato decreto, avente ad oggetto accordi di cooperazione conclusi tra due o più amministrazioni, come modificato e integrato dal decreto legislativo del 19 aprile 2017, n.56;

VISTA                         la legge n. 400 del 23 agosto 1988, recante la “Disciplina dell’attività di governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri”;

VISTO                         il decreto legislativo n. 303 del 30 luglio 1999 recante “Ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri”, a norma dell'articolo 11 della legge 15 marzo 1997, n. 59 e successive modifiche;

VISTO                         l’art. 7, comma 6, del decreto legislativo 165/2001, recante “Norme generali sull’ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche” e successive modifiche ed integrazioni nonché il comma 6 bis del medesimo decreto legislativo in base al quale le amministrazioni disciplinano e rendono pubbliche, secondo i propri ordinamenti, procedure comparative per il conferimento degli incarichi di collaborazione;

VISTA                        la circolare n. 2 del 2/02/2009 del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, pubblicata in Gazzetta Ufficiale n.117 del 22 maggio 2009, relativa a “Tipologia di soggetti promotori, ammissibilità delle spese e massimali di costi per le attività rendicontate a costi reali cofinanziate dal Fondo Sociale europeo 2007-2013 nell’ambito dei Programmi Operativi Nazionali”;

VISTO                         il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 22 novembre 2010 concernente l’autonomia finanziaria e contabile della Presidenza del Consiglio dei Ministri;

VISTO                         il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 1° ottobre 2012 recante “Ordinamento delle strutture generali della Presidenza del Consiglio dei Ministri” e, in particolare, l’art. 14 che definisce le funzioni attribuite al Dipartimento della Funzione Pubblica;

VISTO                         il decreto del Ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione del 17 novembre 2015, recante “Organizzazione interna del Dipartimento della funzione pubblica”;

VISTO                         il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 28 dicembre 2016, registrato dalla Corte dei Conti in data 11 gennaio 2016, al n. 106, con il quale al Cons. Pia Marconi è stato conferito l’incarico di Capo del Dipartimento della funzione pubblica;

VISTO                         il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 4 febbraio 2016, registrato alla Corte dei Conti il 1 marzo 2016 al n. 575, con il quale alla dott.ssa Antonella Caliendo è stato conferito l’incarico di Direttore Generale dell’Ufficio per la gestione amministrativa del Dipartimento della funzione pubblica;

VISTO                        l’accordo ex articolo 15 della legge 7 agosto 1990 n. 241, siglato il 21 settembre 2016 tra il Ministero del lavoro e delle politiche sociali – Direzione Generale per le politiche attive e i servizi per il lavoro e la formazione (DGPASLF), in qualità di Autorità di Gestione, e la Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento della funzione pubblica (DFP), in qualità di Beneficiario, volto a disciplinare un’attività di collaborazione istituzionale per la realizzazione del progetto “Il numero per il lavoro – Un progetto per l’occupazione e per l’avvio delle politiche del lavoro”, avente ad oggetto la realizzazione di un contact center multicanale con un numero unico nazionale che assista il cittadino per qualsiasi esigenza sul tema del lavoro, con l’obiettivo di assistere in maniera personalizzata il lavoratore o la persona in cerca di occupazione attraverso una messa a sistema delle politiche attive e passive del lavoro, per un ammontare complessivo di Euro 1.882.962,00 (€ un milioneottocentottantaduemilanovecentosessantadue/00)  finanziato a valere sulle risorse del PON “SPAO” 2014-2020;

VISTA                        la determina ID 14899883 del 28 settembre 2016 del Capo Dipartimento della funzione pubblica con la quale sono delegate al Direttore Generale pro tempore dell’Ufficio per la gestione amministrativa del Dipartimento della funzione pubblica le funzioni connesse all’attuazione dell’accordo del 21 settembre 2016 siglato con il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali- DGPASLF;

VISTA                         la medesima determina ID 14899883 del 28 settembre 2016 del Capo Dipartimento della funzione pubblica, come rettificata con decreto ID 18183979 dell’8 marzo 2017, con cui è disposto che rientra nella facoltà del Direttore Generale pro tempore dell’Ufficio per la gestione amministrativa del Dipartimento della funzione pubblica attribuire alla dott.ssa Anna Maria Ambrosini, Dirigente del Servizio per gli interventi a titolarità dell’Ufficio per la gestione amministrativa, le funzioni di adozione degli atti connessi alle procedure relative agli avvisi di selezione esperti e le funzioni di stipula dei relativi contratti, da espletare nell’ambito dell’attuazione dell’accordo sopra citato;

CONSIDERATO         che la Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento della funzione pubblica è individuata quale responsabile dell’attuazione degli interventi di cui al progetto “Il numero per il lavoro – Un progetto per l’occupazione e per l’avvio delle politiche del lavoro, avvalendosi del Formez PA, ente in house della PCM – DFP, secondo i contenuti del Progetto di massima di cui all’Allegato 1, parte integrante e sostanziale dell’accordo del 21 settembre 2016 siglato con il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali- DGPASLF;

VISTA                        la convenzione sottoscritta con il Formez PA in data 3 ottobre 2016 per la realizzazione degli interventi di cui al predetto progetto, per l’importo di Euro 1.822.962,00 (€ un milioneottocentoventiduemilanovecentosessantadue/00), registrata dalla Corte dei Conti in data 22 novembre 2016 al n. 3049;

CONSIDERATO         che la Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento della funzione pubblica è altresì individuata quale responsabile del “Progetto di supporto amministrativo-contabile”, inerente alle attività di assistenza tecnica per il supporto alla gestione amministrativo- contabile del progetto “Il numero per il lavoro – Un progetto per l’occupazione e per l’avvio delle politiche del lavoro”, per l’importo di Euro 60.0000,00 (€ sessantamila/00), secondo le specifiche di cui all’Allegato 2, parte integrante e sostanziale dell’accordo del 21 settembre 2016 siglato con il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali- DGPASLF;

TENUTO CONTO      che l’All.2 - “Progetto di supporto amministrativo-contabile” prevede il ricorso a n.2 risorse senior part-time da impiegare nell’ambito delle attività di supporto amministrativo- contabile al progetto “Il numero per il lavoro – Un progetto per l’occupazione e per l’avvio delle politiche del lavoro”, da selezionare tramite apposita procedura di selezione espletata dal Dipartimento della funzione pubblica;

TENUTO CONTO      altresì, che il “Progetto di supporto amministrativo-contabile” ha una durata di 18 mesi complessivi a partire dall’acquisto di efficacia della succitata convenzione tra PCM-DFP e Formez PA;

RAVVISATA              pertanto, la necessità di dotarsi di risorse di che forniscano supporto al DFP nella  gestione amministrativo- contabile del progetto “Il numero per il lavoro – Un progetto per l’occupazione e per l’avvio delle politiche del lavoro”;

VISTA                         la nota prot. 27366 del 19 maggio 2017 con la quale il Dipartimento della funzione pubblica ha richiesto al Dipartimento per il Personale della Presidenza del Consiglio dei Ministri di accertare l’eventuale disponibilità, tra il personale in servizio, di profili professionali con specifiche competenze in materia di gestione, monitoraggio, rendicontazione e controlli nell’ambito di programmi e progetti cofinanziati dai fondi SIE, con particolare riferimento ai programmi operativi a titolarità di Amministrazioni centrali;

RISCONTRATO         che a seguito della ricognizione effettuata a mezzo di interpello pubblicato sul sito intranet della Presidenza del Consiglio dei Ministri in data 30 maggio 2017 non è pervenuto alcun curriculum di candidati in servizio presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri;

VALUTATA               pertanto la necessità, visto l’esito negativo della ricognizione effettuata, di ricorrere al reperimento di figure professionali all’esterno dell’amministrazione per le attività di supporto amministrativo- contabile al progetto “Il numero per il lavoro – Un progetto per l’occupazione e per l’avvio delle politiche del lavoro” finanziato a valere sulle risorse del PON “SPAO” 2014-2020;

RAVVISATA              altresì, alla luce della normativa vigente, la necessità di individuare le modalità procedimentali per la selezione degli esperti, in ossequio ai principi stabiliti dall’art.97 della Costituzione e dall’art. 7 commi 6 e 6 bis del decreto legislativo  165/2001 e s.m.i.;

VISTA                         la propria determina ID 17193445 del 12 luglio 2017 con la quale sono state approvate le modalità di selezione e l’avvio ai sensi dell’art. 7, comma 6, del decreto legislativo 165/2001, della procedura per l’acquisizione di risorse esterne in possesso delle necessarie competenze per l’espletamento delle attività di supporto al Dipartimento della funzione pubblica per la gestione amministrativo - contabile del progetto “Il numero per il lavoro – Un progetto per l’occupazione e per l’avvio delle politiche del lavoro”, di cui all’Allegato 2 “Progetto di Supporto amministrativo - contabile” all’accordo siglato il 21 settembre 2016 tra la PCM- DFP e Ministero del lavoro e delle politiche sociali – DGPASLF e finanziato a valere sulle risorse del PON “SPAO” 2014-2020;

VISTA                         la medesima determina ID 17193445 del 12 luglio 2017 che demanda al Direttore del Servizio per gli interventi a titolarità dell’Ufficio per la Gestione Amministrativa l’espletamento di una procedura aperta per la selezione di n.2 (due) esperti, attraverso la predisposizione di un apposito Avviso Pubblico;

VISTO                         l’avviso pubblicato il 13 luglio 2017 sul sito istituzionale del Dipartimento della funzione pubblica (www.funzionepubblica.gov.it) con cui è stata data notizia dell’avvio della procedura di selezione delle professionalità esterne per il tramite della Banca Dati Esperti Pubbliche Amministrazioni (BDE);

CONSIDERATO         che il Dipartimento della funzione pubblica, a seguito dell’esperimento del termine di 10 gg. previsto dalla pubblicazione dell’avviso di selezione sul sito del Dipartimento della funzione pubblica, ha provveduto, in data 24 luglio 2017, ad estrarre dalla Banca Dati Esperti Pubbliche Amministrazioni (BDE) a titolarità del Dipartimento della funzione pubblica, i profili professionali di cui necessita secondo i requisiti professionali individuati nell’Allegato B “Tabella Fabbisogno e descrizione delle professionalità”, parte integrante e sostanziale della surriferita determina ID 17193445 del 12 luglio 2017;

VISTA                         la nota prot. 17292735 del 25 luglio 2017 con cui il Direttore del Servizio per gli interventi a titolarità ha comunicato al Direttore Generale pro tempore dell’Ufficio per la gestione amministrativa del Dipartimento della funzione pubblica le risultanze della predetta estrazione;

RITENUTO                 di dover provvedere alla nomina della Commissione, i cui membri presentino adeguata professionalità, per la valutazione dei curricula dei candidati estratti in relazione all’avviso sopra citato;

CONSIDERATO         che la valutazione dei candidati verrà effettuata secondo gli specifici criteri di selezione e valutazione individuati Allegato A “Disciplinare”, parte integrante e sostanziale della surriferita determina ID 17193445 del 12 luglio 2017;

VISTO                         il decreto del 27 luglio 2017, ID 17322077, con il quale è stata nominata la Commissione di valutazione dei curricula;

VISTA                         la nota del 7 settembre 2017, con la quale la Sig.ra Patrizia Cottone, Componente della suddetta Commissione di valutazione, ha comunicato le proprie dimissioni dall’incarico di cui al decreto ID 17322077, per sopravvenuti motivi di salute, certificati dall’attestato di malattia telematico, Protocollo 190525208 del 7 settembre 2017;

CONSIDERATA         la necessità di nominare un nuovo Componente in sostituzione della Sig.ra Patrizia Cottone;

DISPONE

Art. 1    Il Dott. Nicola SARNO, cat  A F6  dei ruoli del Ministero dell’economia e finanze, in servizio presso il Dipartimento della funzione pubblica, è nominato, a decorrere dal 7 settembre 2017, in sostituzione della sig.ra Patrizia Cottone, Componente della Commissione di valutazione dei curricula estratti dalla Banca Dati Esperti Pubbliche Amministrazioni (BDE) a titolarità del Dipartimento della funzione pubblica per il conferimento di n. 2 (due) collaborazioni esterne per l’espletamento delle attività di supporto al Dipartimento della funzione pubblica per la gestione amministrativo - contabile del progetto “Il numero per il lavoro – Un progetto per l’occupazione e per l’avvio delle politiche del lavoro”, di cui all’Allegato 2 “Progetto di Supporto amministrativo - contabile”  all’Accordo siglato il 21 settembre 2016 tra la PCM-DFP e il Ministero del lavoro e delle politiche sociali – DGPASLF e finanziato a valere sulle risorse del PON “SPAO” 2014-2020.

Roma, 7 settembre 2017 

IL DIRETTORE DELL’UFFICIO
(Dott.ssa Antonella Caliendo)